time5 minuti di lettura

Come motivare il tuo personale di magazzino o di stabilimento?

Come motivare il tuo personale di magazzino o di stabilimento?

Indice dei contenuti

Non è detto che tutti debbano amare il proprio lavoro, qualcuno lo vede più come una necessità che una passione. Il lavoro nei magazzini, poi - così come quello nelle fabbriche, stabilimenti, poli logistici e altri ambienti di questo comparto - può rivelarsi noioso, piuttosto faticoso e a tratti ripetitivo… Chi siamo noi per dire il contrario, in fondo. Eppure i professionisti coinvolti in questi mestieri sono fondamentali per il settore terziario e per tutte le aziende coinvolte in esso, al punto che quando si cerca nuovo personale si fa spesso fatica proprio per la mancanza di profili qualificati. Noi però siamo convinti che si possa fare qualcosa di concreto per attrarre professionisti validi e allo stesso tempo mantenere fedeli quelli che fanno già parte della propria squadra. Scopri in che modo in questa guida!

Motivare i tuoi collaboratori: da dove iniziare

L’obiettivo di un alto fatturato è fondamentale, ma l’obiettivo di avere una squadra di persone motivate forse lo è ancora di più. Sì, perché saranno proprio queste che ti permetteranno - con il loro impegno quotidiano - di portare a casa i guadagni previsti. Premesso che di ragioni legate all’importanza di avere un team motivato ce ne sarebbero a migliaia da elencare, abbiamo pensato di portare alla tua attenzione tre aspetti da tenere sempre a mente, tre step che ti condurranno dritto al tuo traguardo: formare un team di risorse ingaggiate e soddisfatte!

  • Il primo passo da compiere è quello di mostrare interesse per il lavoro dei tuoi dipendenti. Devi dimostrargli che le loro esigenze sono importanti tanto quanto i risultati che devono ottenere. Non dimenticarti mai che è fondamentale valorizzare il contributo che portano, ricordandoti che ciascuno di loro fa la sua parte per portare l’azienda al successo;

  • Il secondo passo consiste nello stabilire degli obiettivi comuni e condivisi che devono essere chiari, realistici e raggiungibili. I dipendenti devono sapere cosa ci si aspetta da loro e devono avere la possibilità di mettersi in gioco con tutte le loro capacità. In questo modo, si sentiranno coinvolti e saranno di conseguenza più motivati;

  • Il terzo passo è quello di riuscire a creare un clima di fiducia e rispetto reciproci. I dipendenti devono sentirsi a proprio agio nel parlare apertamente dei propri problemi e delle proprie idee. Devono sapere che saranno ascoltati e che le loro opinioni - per te e per l’azienda - contano qualcosa.

Non che questo possa impedire l’insorgere di conflitti in via del tutto definitiva, ma a questo ci pensiamo nel prossimo paragrafo.

Come gestire i conflitti del tuo team?

I conflitti sono inevitabili in qualsiasi ambiente di lavoro. I magazzini, poi… Ambienti così grandi, rumorosi, confusionari, pieni di persone che si spostano da una parte all’altra. Insomma, sarebbe insolito che non ci fossero. Il tuo obiettivo però - in qualità di datore di lavoro oppure responsabile del personale - è quello di prevenire qualsiasi tipo di problematica che potrebbe danneggiare la produttività della tua azienda. Come gestire quindi i conflitti in modo costruttivo?

Prima di tutto, è necessario capire quali sono le cause che li scatenano. Possono essere dovuti - ad esempio- a differenze di opinione, alla competizione per una posizione in particolare oppure alle aspettative irrealistiche dei dipendenti. Non ti chiediamo certo di diventare Sherlock Holmes, ma indagare è molto importante per evitare che il conflitto sfoci in qualcosa di irreparabile. Una volta individuate le cause, sarà tuo compito intervenire per risolverli. Noi ti consigliamo di puntare tutto su una comunicazione efficace: fai presente in modo chiaro le aspettative dell'azienda nei confronti dei dipendenti e battiti quotidianamente affinché venga mantenuto un atteggiamento equilibrato e positivo verso ciascun compagno di squadra.

8 consigli per motivare il tuo personale

Pensavi avessimo finito qui? E invece no, ecco a te 8 utilissimi consigli per tenere ingaggiato il tuo personale:

  • Coinvolgi nelle decisioni: se il tuo team ha voce in capitolo sulle scelte operative, sarà più motivato a dare il meglio;
  • Offri dei bonus economici: una piccola somma in più può fare la differenza, soprattutto se viene erogata in base ai risultati ottenuti;
  • Regala del tempo libero: concedere qualche ora di pausa durante il turno di lavoro è un ottimo modo per far sentire i tuoi operai apprezzati;
  • Organizza eventi di team: un momento di svago dopo aver lavorato è sempre ben accetto, ne saranno molto entusiasti;
  • Proponi corsi di formazione: magari sull'utilizzo dei nuovi strumenti informatici o sulle novità nel settore;
  • Grafica costantemente: i tuoi collaboratori hanno bisogno di ricordarsi quanto è apprezzato il loro lavoro e quante differenze potrebbero esserci senza di loro;
  • Offri opportunità di crescita: sapere che è previsto un percorso di crescita all'interno dell'azienda è decisamente motivante;
  • Suddividi il lavoro in modo equo: assicurati che le attività siano equamente ripartite tra tutti i tuoi collaboratori, in modo da non creare disuguaglianze.

Ancora prima di motivarlo il personale - però - va assunto! Per questo tipo di esigenze puoi affidarti ai nostri servizi di ricerca personale e corsi di formazione aziendale: contattaci per una prima consulenza gratuita, ti racconteremo tutto quello che devi sapere!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

La formazione per autotrasportatori è un aspetto fondamentale per ogni azienda del settore dei trasporti: scopri tutto quello che c'è da sapere in questa guida!
Leggi guida
Come sono regolamentate le ore di guida e risposo per gli autisti? Se possiedi una ditta di autotrasporti e sei alla ricerca di queste informazioni, hai trovato la guida perfetta per te!
Leggi guida